12/08/2020 - 22:43:14

Nuovo Indirizzo dal 1.1.2018

Consiglio degli anziani del Cantone Ticino

Piazza Nosetto 4

6500 Bellinzona

Tel 091 857 09 01

Fax 091 857 35 01

info@consiglioanziani.ch

AILA ( Associazioni Italiana di Lugano per gli Anziani e OIL (Associazione Ospedale Italiano di Lugano)
Associazione Pensionati dello Stato
GenerazionePiù
Associazione Pensionati della Città di Lugano
Clubpensionati RSI
Societàs Pensionati Federali Ticino e Moesano
La Fondazione si prefigge di mantenere e migliorare il benessere delle persone anziane in Ticino e nel Moesano, in particolare attraverso l'erogazione  e la promozione di attività e servizi destinati a favorirne la permanenza al domicilio.
ATTE
MODAP

 

Risoluzione dell’Assemblea del Consiglio anziani contro il progetto “Managed care” 

Votazione 17 giugno 2012

 

24.04.2012 - L’Assemblea del Consiglio degli anziani del Cantone Ticino, riunitasi il 24 aprile 2012 a Bellinzona, invita a rifiutare la modifica della Lamal del 30.09.2011 che sarà sottoposta a votazione il prossimo 17 giugno.

La modifica della Lamal vuole spingere gli assicurati delle casse malati ad aderire a modelli di “managed care” (reti di cura integrate). Come sottolineato da chi ha lanciato il referendum, la modifica comporterà però una penalizzazione per coloro che vorranno mantenere la libera scelta del proprio medico. Questi ultimi dovranno infatti pagare una partecipazione del 15% delle fatture eccedenti la franchigia, mentre chi aderisce ad un modello “managed care” continuerà a pagare il 10%. Inoltre, la spesa massima di queste partecipazioni, a carico degli assicurati, sarà di Fr. 1'000.- per chi manterrà la libera scelta del medico, e di Fr. 500.- per chi aderirà ad una rete di cura.

Il Consiglio degli anziani è convinto che esistono altre soluzioni per ridurre i costi della salute. Nello studio “I costi dell’assicurazione malattia nel Cantone Ticino”, realizzato nel 2007 dall’Istituto MecoP dell’USI su incarico del Consiglio degli anziani, si invitava a promuovere soluzioni che permettessero una presa a carico globale del paziente, facendo allusione al medico di famiglia e a eventuali reti di cura, evitando la frammentazione delle cure, senza tuttavia privare il paziente della libera scelta del proprio medico.

La modifica in votazione prevede invece una sorta di punizione per chi non aderisce a queste soluzioni. Un conto è infatti promuovere un diverso approccio culturale alla medicina, un altro è sfavorire coloro che hanno un maggior bisogno di cure o minori risorse finanziarie.

Il Consiglio degli anziani del Cantone Ticino invita pertanto a non accettare il modello “managed care”, in votazione il prossimo 17 giugno.


Giubiasco, 24 aprile 2012

 

© 2020 CONSIGLIO ANZIANI | Consiglio degli anziani del Cantone Ticino